Zen Palermo
Inserisci sottotitolo qui

Dalle ricerche effettuate e dalle immagini del luogo visionate, optiamo per un progetto completamente difforme dalle geometrie lineari ed ortogonali che caratterizzano il "Quartiere Zen", proponendo una forma circolare. L'intero quartiere contrasta col paesaggio circostante a causa della tipologia costruttiva, alle scelte progettuali e alla mancanza di opere di urbanizzazione. Ciò ha inevitabilmente portato ad una completa esclusione dalla società sia del quartiere che dei suoi abitanti, la zona risulta essere degradata, abbandonata, caratterizzata da dispersione e criminalità. Per questi motivi la scelta è ricaduta sull'istituto scolastico, per invitare alla cultura e allo studio ed evolvere come persone e come collettività. La forma denuncia il distacco totale dalle geometrie presenti e dona una nuova visione del futuro: la forma convessa invita l'utente all'interno e lo protegge in un abbraccio. Una volta dentro è possibile ammirare il grande albero e le cristalline vetrate che conferiscono una sensazione di leggerezza e trasparenza. Le aule affacciano sul luminoso corridoio e l'aggetto della copertura scherma insieme all'albero centrale, i forti raggi del sole caratteristici della Sicilia, aiutando gli impianti tecnologici al mantenimento delle giuste temperature interne. L'idea è quella di non far sentire gli studenti "rinchiusi" ma di donare una sensazione di libertà, un'apertura. I locali sono stati progettati in modo da poter, una volta chiusa la scuola, concedere l'uso di alcune zone alla collettività, come ad esempio il campo da calcetto e la palestra dotati di ingresso proprio, come anche i locali ristoro, i locali tecnici e la sala dibattiti, che possono essere separati dai locali scolastici in modo da poterne usufruire per sport, dibattiti o proiezioni cinematografiche. La struttura ha lo scopo di non essere solo limitata all'uso degli studenti, ma di essere utile alla collettività, in modo da diventare un centro di aggregazione ed incontro. La progettazione prevede inoltre l'utilizzo dell'energia solare: sulla copertura dell'istituto sono installati pannelli solari fotovoltaici e pannelli solari termici; i primi per la produzione di energia elettrica ed i secondi per la produzione di acqua calda sanitaria e per il riscaldamento. I pannelli sono realizzati con piastre di piccole dimensioni posate in maniera irregolare, colorate conferendo un aspetto sia semplice che innovativo oltre a schermare con effetto brise soleil le aule sottostanti che hanno una copertura a vetro. Inoltre, l'apposizione sulle facciate esterne e sulla copertura di pannelli termo isolanti, fornisce l'isolamento capace di ridurre le dispersioni termiche. I Pannelli solari in copertura e il cappotto termico oltre che le grandi vetrate garantiscono così un cospicuo risparmio sia sulle spese di gestione dei locali che di inquinamento ambientale.

Progetto eseguito con Valerié Galli